Roccamadre | Fare comunità: scambiare pensieri ed esperienze per liberare sociale
15997
single,single-post,postid-15997,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-16.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
19510227_869128646575216_1355819372128895591_n comunanze caligola

Fare comunità: scambiare pensieri ed esperienze per liberare sociale

Grande festa in occasione dei 10 anni della Casa di Mattoni tanti eventi dal 24 giugno fino al 2 luglio. Ci incontriamo per scambiare esperienze in nome della comunità locale aperta. Come cooperativa di comunità Rocca Madre intervengo all’incontro del 30 Giugno 2017 presso la sede della Casa di Mattoni. Ci confrontiamo sul tema “Comunanze, Comunità e Beni Comuni” coordina Licia Caligola referente Casa di Mattoni. Lucia Bianco, del Comitato redazione Animazione sociale, interviene su “Maneggiare pensieri per non consumare il mondo”, Io, per Coop agri Rocca Madre, affronto il tema “Altre economie che sanno educare il territorio”.
Per provocare uno scambio che fosse operativo in vista di future alleanze, ho narrato, agli operatori e amici, l’esperienza Rocca Madre facendo emergere alcune scelte e strumenti da perfezionare insieme. La discussione più che sugli strumenti si è focalizzata su alcune rotte per incorporare benessere sociale:
  • Il sociale va liberato, esiste in ciascuno di noi e in tutti un potenziale di solidarietà (assopito). Più diffuso della distanza tra le persone è il desiderio di rompere questa distanza;
  • Il sociale è la terra di tutti e non è solo la rete dei servizi. Prendersi cura quindi va reinterpretato fuori dai recinti “dedicati” per evitare il rischio che i diritti sociali diventino bisogni;
  • Difesa del paradigma dei Beni Comuni. Bene Comune (naturale sociale) è quello sottratto alla logica di mercato e gestiti in modo partecipato;
  • Ogni territorio (inteso come soggetto e non come oggetto da sfruttare) chiama le persone che lo abitano a diventare comunità;
  • Completare la nozione di sviluppo con quella di inviluppo (conservazione delle protezioni comunitarie, salvaguardia delle qualità, riorientamento verso i valori non materiali).
Ci rivedremo a breve per discutere di strumenti e di processi da attivare

Mary Pazzi per Rocca Madre